30 maggio 2012

L'amore non ha età

Mauro ed Alessia sedettero, aspettando che il giorno passasse lentamente.
La tv accesa, mentre le loro memorie svanivano.
Dovevo essere impazzito, ne avevo bisogno, non so cosa mi passasse in testa.
Questo è quello che ottieni, rispose lei con voce asetticca. Hai perso tutti.
Tu me li hai messi contro, provò a ribattere, ma non aveva poi molto senso a quel punto.
Me ne vado a dormire. E rimase solo nel salotto, con le immagini ed i volti che scorrevano sullo schermo.

Le parole di Alessia gli rimbombavano nella testa questo è quello che ottieni.
Mauro cercò il telecomando sul divano e, non trovandolo, si guardò intorno smarrito.
Il salotto gli parve una teca di dolore lancinante ed incorniciato, in ogni angolo, su ogni mobile.
Se avesse trovato le parole adatte riguardo il trascorrere del tempo, il costo delle scelte fatte e delle strade non percorse, della gioventù che sfugge troppo velocemente, degli affetti che si allontanano. Ebbene se avesse trovato quelle parole avrebbe senz'altro serenamente emesso una sentenza di condanna nei confronti dell'esistenza, tanto più spietata quanto più se ne intravede la fine.

Alessia aveva abbandonato quel luogo da tempo.
Aveva smesso di aprire le lettere, di collezionare i punti al supermercato, di leggere le riviste, di parlare a cena. Si limitava a sciabattare mestamente per casa. O forse lui non era semplicemente più in grado di vedere neppure una briciola della splendida dignità della donna che da sempre lo aveva accompagnato, e che ancora, nonostante tutto, divideva senza fiatare quel polveroso letto.

Spense finalmente la tv e guardò l'orologio sul display del decoder, le undici e dieci.
Pensò che a quell'ora Manuel quasi di certo era ancora sveglio, a duemila chilometri di distanza, da solo a guardare un film, oppure insieme a quella famosa ragazza sconosciuta della quale un giorno durante una breve telefonata con sua madre aveva semplicemente dichiarato Sono due anni che la amo, quella donna sarà la madre dei miei figli anche se ancora lei non se ne convince, ma insisterò fino a che cederà.

Spense la luce e si avviò verso la stanza da letto, come ogni sera da quarant'anni.
Nel buio poteva sentire il leggero russare di Alessia.
Si addormentava profondamente in pochi minuti.
Pensò che non è vero quello che tutti dicono, che l'amore non ha età.
L'amore non ha età, dicono tutti.
.

Nessun commento:

Archivio blog

Lettori fissi