31 gennaio 2007

Enel, parte seconda

Qui vi raccontavo il primo impatto.
Ieri sono tornati alla carica:
Squilla il telefono.
bla,bla,bla,bla, le rimborsiamo la caparra, le mandiamo l'impiegato
no grazie, non mi mandate nessuno.

Mercoledì 31 Gennaio, Ore 10.30, Salcazzo Assicurazioni, agenzia di Rapallo, D. Junior e D. Senior alle scrivanie.

Entra un signore sulla cinquantina.

Buongiorno sono dell'Enel, ha richiesto la nostra consulenza via telefono.
Sinceramente, ho richiesto proprio il contrario.
Abbiamo delle offerte interessanti, le rimborsiamo la caparra
Pago col RID, niente caparra.
Però per due anni lei blocca il prezzo della corrente
Guardi, prima sento le offerte concorrenti, ora che c'é il libero mercato, poi nel caso sarò volentieri vostro cliente.
Non l'hanno ancora contattata?
No nessuno, per ora solo voi dell'Enel due volte.
Noi abbiamo le tariffe migliori, glielo garantisco, se vuole firmare..
Preferisco valutare tutte le possibilità, se permette.
Stia attento che molti si spacciano per l'Enel, ma poi non sono loro per davvero.
Ne terrò conto, se mi lascia il suo contatto dovessi infine decidere per la proposta dell'Enel, chiederò espressamente di lei.
Ehm no, tecnicamente io non sono impiegato dell'Enel
Ma se mi ha detto prima di stare attento a quelli che si spacciano per..
Si appunto
Ma quindi lei è dell'Enel o no?
...
...
Facciamo che ripasso un'altra volta ok?

[D. Junior e D. Senior si guardano basiti]


Prego, nel frattempo si chiarisca le idee.

Fatevela questa domanda

Stasera il film nuovo di Di Caprio mi ha fatto tornare alla mente, in una scena, Per chi suona la campana, il romanzo. Si tratta davvero di una delle più grandi storie mai raccontate, quella di Robert Jordan.
Ma chiedo io, si può vivere, e si può morire, senza aver letto Hemingway?

30 gennaio 2007

Ma quanto sono ganzi?

Filmato aggiunto a youtube da un mesetto, lo vedo solo adesso andandomi a sentire i pezzi nuovi sul loro micepace.
E non solo perché li conosciamo, ma perché sono dei fottuti rulli compressori.
Ancora oggi sento gente andare in giro a pontificare su presunti bravi batteristi, che però sanno suonare solo metal et similia.
guardatevi il filmato che è meglio.

Cut of Mica - Live Buridda

Dresda? Sempre dritto, poi a sinistra, poi sdraiati sulle rotaie e aspetta l'intercity

Il due febbraio a La Madeleine (vico della Maddalena, ge) faremo un concertino con gli amici Siné e un gruppo postrock fiorentino del quale non ricordo il nome ma dicono siano molto bravi.
Una mezz'oretta all'incirca, intorno alle 22.30.
Magari Dani viene... eppoibbasta.
Quella sera volevo andare al Milk a sentire i Cartavetro ma non essendo ubiquo... [non sapevo di conoscere questo aggettivo fino a dodici secondi netti fa].
Intanto ieri abbiamo registrato la seconda chitarra, e da tutto quell'insieme di tracce sfusissime di cui vi parlavo, sono rinate magicamente le nostre canzoni: più ciccione, più stratificate, fottutamente slo-core [a noi basta che ci sia un core di mezzo per farci felici].
Insomma viene bene, proprio bene.
Due giga di roba, 17 tracce in Dresda, per undici minuti di canzone.
Vabbè io vi aspetto però, magari è un venerdì sera diverso dal solito, comodo, harakiri weekendaro a base di cocktail elaborati e locali fighini.

29 gennaio 2007

Lass'sie nach berlin kommen [parte II]

Il famoso discorso di Kennedy, del quale vi ho accennato qualcosa qui, è solo uno stupido spunto da titolo sensazionalistico per raccontarvi questa.
Era in giro su Youtube alla ricerca di filmati di concerti di Ennio Morricone, uno dei miei musicisti preferiti... e che ti becco?
Tralasciate gli iniziali commenti idioti e commovetevi davanti all'assist di Andrea Pirlo e seguente miracolo balistico di Fabio Grosso, con sottofondo epico morriconiano. Una goduria.
Sicuramente una delle notti più belle della mia vita.
E così ora anche noi abbiamo la nostra Italia - Germania da raccontare con entusiasmo alle generazioni future.

ps. parentesi cultural sborona. Una supposizione: su wiki si trova un foglietto con annotazione della pronuncia del tedesco e del latino, e civis romanus sum viene pronunciato kivis romanus sum. Ora le ipotesi sono due, la prima è "ignoranza americana", la seconda, più fondata è che la scuola germanista del latino ritiene che quella sia la giusta pronuncia.. o almeno così mi pare di ricordare dal liceo. Infatti caesar è stato trasformato in kaesar.. o vado errato?

Italia Germania 2-0

28 gennaio 2007

Aggiornamenti meteoritici dallo spazio, per giustificare il cappotto cammello

Io e l'amico autostoppista ce la stiamo spassando nello spazio.
Abbiamo messo su un piccolo business, parallelo alla sua attività di compilatore della Guida Galattica, e alla mia di Assicuratore Galattico.
In pratica ci siamo trovati chissà perché, chissà percome, all'estremità dell'universo e c'era il nulla!
Così abbiamo preso qualche bottiglietta e l'abbiamo riempita di nulla, sigillato il tappo e inciso sull'etichetta "vero nulla!". Poi, abbiamo riempito, per sicurezza, anche una damigiana.
Sul pianeta Allocco (secondo pianeta della galassia degli Zebedei) abbiamo allestito un banchetto e abbiamo iniziato la vendita. I turisti galattici vanno matti per il nulla [determinate razze lo usano come condimento per le diete, altre per correggersi il caffé, sulla terra qualcuno lo usava per i cocktail al rum -il cosiddetto rummebbasta-].
Finché qualcuno non ha sollevato la questione.
Come faccio a sapere che è vero nulla?
E noi, sornioni: "che ci vedi dentro?"
E via così.
Fino alla fine delle bottigliette, quando abbiamo iniziato a ricorrere alla scorta della damigiana, e lì, quale giubilo, ci siamo resi conti che continuando a togliere nulla da una damigiana di nulla continuava a rimanere nulla: questo ha incrementato di parecchio i nostri introiti!
Così con il ricavato di quella divertente giornata mi sono comprato una pelliccia di puro Semprale [per sapere qualcosa in più sui Semprali, sul nulla, e su Dio CLICCA QUI], e un bellissimo videofonino della H3Galactic che mi permette di comunicare in tempo reale col mio alter ego robotico su terra bis.
Così ho scoperto un sacco di cose interessanti, e sono più che convinto che mentre io sono qui a spassarmela nello spazio, lui stia facendo un'ottima interpretazione di me sulla cornucopia della terra.
Bé poi vi racconterò di lui più in particolare, dei suoi sensi di colpa per la rottamazione del suo amato veicolo, del fatto che ieri sera ha visto una ragazza di estrazione dantesca per la quale ha sempre avuto un debole [nel senso dantesco del termine! Visto che io sulla terra sono fidanzato!] e che lo fa sempre sospirare, del fatto che benché faccia carriera sia sempre deciso a diventare una rockstar... e infine..... i robot..... perdono i capelli????????
Dallo spazio e dal Marco in carne ed ossa, per il momento è tutto, rilancio la palla all'amico androide.

27 gennaio 2007

A Blood red bird a blood red bird

Ma questi intellettuali alternativi del cazzo?
Quelli che ti schifano perché sei normale e loro
yeah il mondo è una merda
Odio i merdosi nichilisti trendy.
E i merda col cravattino fashion?
O sei elegante o sei fashion puttana miseria.
Elegante e fashion insieme sei frocio secondo me.
E oltretutto un'immagine negativa dei gay, che hanno solo la sfortuna di essere rappresentati dai froci in vista.


Shellac - Prayer to God

25 gennaio 2007

Nonostante..

...Teso abbia più volte deriso questa canzone io la posto lo stesso.
Tanto più che l'intero album dei Ronin è geniale.


Ronin - Il Galeone

24 gennaio 2007

i leurnin

ma tu guarda se devo alzarmi all'alba per fare e-learning.
per una volta devo dar ragione a mia madre.
"tu fai sempre le cose all'ultimo minuto!"




23 gennaio 2007

Postilla internettiana

Il giro dei dns per il mondo è finito.
Ora dresda.org è un sito vero, ma potenziale.

Avrò mica un'insegna con scritto: culo aperto, entrate pure?

Lei è il titolare?
Si
Le posso rubare qualche minuto?
Mah, si
Lei saprà che presto l'Enel non sarà più la monopolista dell'energia elettrica, ecco noi vorremmo proporle un'offerta: un considerevole risparmio in bolletta e il rimborso della caparra.
Uhm, volentieri. Quanto risparmio? E che caparra?
Il costo le verrà ridotto di 10 centesimi.. bla bla bla...
Non mi sembra questo gran risparmio, e la caparra?
La caparra versata all'installazione della linea gliela rimborsiamo in bonus corrente..
Ma io non ho versato alcuna caparra!
Vabbé allora che dice, lo firma il contratto ad impegnarsi con noi per due anni?
Se se se.... mi lasci il tutto che poi lo firmo, e il suo contatto ...
cough cough
la richiamo io.


We are the super(P)unkers.. Secondo giorno

Cinque ore intensissime di registrazioni del basso.
Ancora i pezzi sembrano degli scheletri, ed effettivamente lo sono.
Ribadisco, bello, divertente, ma incredibilmente sbattoso.
Ora una settimana di sosta fino alla registrazione della mia chitarra, durante la quale pianificheremo, se possibile, le parti da stratificare.
C'é ancora un grosso lavoro da fare, che spero potremmo esaurire in un altro paio di giornate intense.
Infine tutto il missaggio, e l'eventuale rimissaggio.
Probabilmente per alcune settimane non si avrà niente in mano.
Poi in tutti i migliori negozi di dischi (o meglio, in uno scatolone ambulante presente alle nostre performance live).

22 gennaio 2007

I hope i die before i get old

Registrare è un gran casino.
Le ore sono volate, e, per quanto la sensazione sia quella di aver fatto un buon lavoro, non si può avere minimamente idea di quello che potrebbe uscire.
Per ora esiste solo una traccia di batteria, solitaria, isolata, scarna.
Poi una cosiddetta traccia "guida" di chitarra, che ho registrato realmente al volo, oltretutto con basso "cantato"... e non metaforicamente parlando.
Domani incideremo le parti di basso e alcune di chitarra.
La cosa incredibile è che "fisicamente" la canzone non c'é, da nessuna parte. Sarà la risultante di tante tracce sommate, lavori incrociati, allo strumento e non. Il già citato Bernardo, e Fede [batteria degli En Roco] hanno le contropalle in cabina di regia, e questo migliora sicuramente le prospettive.
Da soli, non avremmo combinato nulla in effetti.
A conti fatti tutto ciò è affascinante, ma perde un po' in poesia.
Cioè, io non ci credo che gli Who abbiano registrato My Generation così.
Comunque sia è stata una giornata interessante, condita da una quantità vergognosa di birre, una pizza tardiva, e poi, dopo una tonnellata di chiacchiere e sigarette [e un paio di Montenegro], a nanna, Ko.

21 gennaio 2007

La dura vita di un gruppo [post] rock, parte seconda

Giorno zero - ieri-
Partenza da Rapallo, con il raptus di acquisto nel cuore per acquistare questo e questo ... ma il negozio [purtroppo o per fortuna] aveva già chiuso.
Tappa consolatoria da Burger King dove acquisto le peggiori schifezze take away, tra cui una combo di anelli di cipolla e pollo fritto. Aggiungo pizza e focaccia al taglio. Una scatola di togo. Troppe birre. Troppe sigarette. Porto il tutto in saletta e rovino la serata al 75% del gruppo, me compreso.
E il risultato è questo [abbiamo anche suonato certo..].


Giorno uno -oggi-
Leggermente sbidonato dalle dodicimila birre bevute ho l'incubo del carica scarica ampli. Solo il mio splendido Fender Deville peserà trenta chili: senza maniglie laterali.
Ma la band è carica.
Probabilmente oggi l'unico a suonare sarà Marco, e forse è la parte più impegnativa.
Ma stasera saprò dirvi.

20 gennaio 2007

La dura vita del gruppo [post] rock

Si comincia. La routine del concerto la sapete già.
In questi giorni vi racconterò l'esperienza della registrazione, una stressante corsa contro il tempo alla ricerca di quel suono che cazzo in saletta mi viene sempre.
Stasera ultimi arrangiamenti, e poi da domani la creatura dei Dresda comincerà a prendere luce.
Voglio proprio vederci a registrare 15 minuti di pezzo.
Chi vivrà, vedrà.

I miei propositi politici..

Da un anno a questa parte ho fatto propositi di entrare in politica attivamente.
E Dio solo sa se non ci ho provato.
Il primo tentativo è stato con i Ds, ma con scarsi risultati.
Poi con Rifondazione Comunista, del quale però non gradisco l'anacronistica e quasi-staliniana (ironico) figura leader a livello locale.
Insomma, alla fine dei conti sono un po' scoraggiato.
Finirò per fondare un partito.
E sarà una cosa fichissima.

Sposarsi, perché no?

Preso atto che le ragazzine mi danno del lei, e che ciò mi impedirà sempre di più in futuro di pomparne qualcuna.. perché non mettere la testa a partito?
Lo dico perché stasera ho cenato insieme a due futuri sposi ai quali io e Vale faremo da testimoni e mi trovo sempre più a pensare che, in fondo, mi piacerebbe.
Il lavoro ce l'ho.
Una ragazza stupenda anche (che tanto in proposito mi manderebbe a fanculo).
La voglia di intraprendere questo cammino pure. Perché all'inizio sembra essere una cosa fantastica.
Ma la maturità necessaria a superare i miei egoismi manca.
Perciò mi godo il mio 2007 da uomo in carriera a spasso per l'Italia, da musicista imberbe, e da playstationaro mai sazio.
Fatemi un appunto a riguardo a Gennaio 2008.

19 gennaio 2007

Un approccio veloce alle mie attuali preferenze musicali

Mi hanno detto che non si riesce a capire che musica ascolto, viste le diverse tipologie di video che passo sul mio blog. Ma secondo me è perché vi guardate giusto tre secondi di video e non leggete un cazzo di niente.
Ok gente io (Oggi) gradisco solo il postrock più duro e/o ambientale non troppo elettronico, e i classici mostri sacri.
Preferisco le canzoni spettrali, che abbiano un qualche recondito contatto con il cosiddetto "inner self".
Mi piacciono le ambientazioni ben riuscite.
Gradisco i grandi jazzisti, ma non quelli troppo sperimentali.
Adoro la musica classica, preferisco pianisti solitari, violini e violoncelli.
E i La Quiete.

Dio è il mio co-pilota

Breve post notturno con considerazioni flash.
  • il film di Rocky sessantenne è una boiata ma andava visto
  • due ragazze diciottenni sulle scale di casa mi hanno dato del lei, ciò mi preoccupa
  • ritengo che la pizza da asporto più buona del tigullio sia quella amorevolmente preparata dal pizzaiolo egiziano di Santa Margherita. Battuta solo da quella della Cava, a Leivi
  • ieri sono ricascato nel circolo vizioso di Ikea. Non ho potuto fare a meno di comprarmi dell'arredamento inutile
  • il tizio che, entrando nel grande fratello, continuava a dire minchia mi ha fatto ridere. Una delle tipe ha ammesso sono una gatta morta. Sottointendendo di aver succhiato cazzi Mediaset fino all'entrata nella casa.
  • non posso arrivare a fine settimana senza aver speso troppi soldi in qualche aggeggio della Electro Harmonix, a scelta tra Holier Grail, Memory Man, Pulsar..
Ed ora la migliore musica per una notte quieta su radioguidagalattica.

Procul Harum - A whiter shade of pale

18 gennaio 2007

Cosa vuoi che siano trent'anni della tua vita poi.

Oggi sono andato a vedere un appartamento.
Ne cerco uno da due, uno da uno, uno da mezzo, insomma: basta che abbia un prezzo accessibile.
Il tizio dell'agenzia mi aspetta con sguardo sornione.

E' un monolocale?
No, bilocale.
Ah pensavo...
Anticamera, Salotto, Camera, Cucina abitabile, bagno, ripostiglio
Azzo, interessante per quella cifra.

Entriamo, l'anticamera è grossina effetivamente. La cucina è abitabile, se sei uno gnomo.
Il salotto e la camera da letto sono divisi non da un muro ma da una libreria.

Le piace? E' molto luminosa vero?
Ehm si niente male, peccato per il salotto in camera da letto e viceversa.
E' una soluzione ricercatissima, la trova su qualunque rivista di arredamento.

Tralascio il fatto che io non mi faccio il letto dal 1992.
Ringrazio il marpione e lo saluto.
E poi dicono che gli assicuratori sono la razza peggiore.

17 gennaio 2007

Però io l'avevo detto


In questo post lo presagivo. Ora si è avverato, la mezzanotte si avvicina: non si sa ancora di quanti minuti mentre scrivo, il sito del bollettino è in standby fino alle 14.30 di Greenwich.
I telegiornali parlano di inquietanti mutamenti climatici, e non si parla più di millenni per il "punto di non ritorno", ma di cinquanta, settanta anni.
Nel frattempo sempre più nazioni, in barba ai trattati di non proliferazione, si dotano di armi nucleari: un nuovo equilibrio del terrore si avvicina.
Energia ed acqua in esaurimento.
La teoria migliore sarebbe quella di un nuovo corso: una politica ambientale mondiale congiunta, stop al cartello dei petrolieri, stop agli scontri ideologici. Ma è tutta utopia, ci scanneremo come porci finché non ci rimarranno che sassi e bastoni, o forse neanche quelli.

Nightswimming, deserves a quiet night.

I Rem. Perché nei nostri discorsi su quanto sia figa la musica oggi o di quanto essa sia derivativa, raramente Stipe e compagni ci vengono in mente.
Eppure Automatic for the People è stato uno degli album più importanti della mia vita.
Riascoltato per caso qualche sera fa, selezionato nel mucchio da un australiano ubriaco nella mia macchina.
Il destino?


Non sono sicuro che tutte queste persone possano capire, non è più come anni fa, la paura di venir scoperti, non possono vedermi nudo.
Queste cose vanno via, sostituite dalla quotidianità.

Rem - Nightswimming

16 gennaio 2007

The shape of the punk to come

No i refused non centrano (c'entrano?).
Il titolo altisonante è per annunciare la prima fase dell'Ep d'esordio dei Dresda: il sopralluogo alla mitologica saletta dei Cut of Mica, durante il quale abbiamo pianificato le modalità di registrazione.
Si comincia domenica alle 15 fino a sera, con la registrazione delle parti di batteria. E poi giorni di full immersion per stratificare come pazzi. Mi entusiasma l'idea di poter lavorare con calma e raziocinio sulle parti, grazie anche all'aiuto di Bernardo che è paziente e ne sa.
Fino ad oggi al massimo ho affrontato delle catastrofiche "prese dirette" alla bonalaprima.
Costose per altro.
Esperienza nuova quindi, e non vedo l'ora di avere il tondo supporto argenteo tra le dita. Preparare una bella confezione per gli amici, con la scritta a pennarello "we are the superfunkers".

15 gennaio 2007

15 del mese, giorno fausto

Giornata di bonifici entranti!
L'addebito cartasì dicembrino mi aveva un tantino tagliato le gambe, ossigeno fresco per il mio protetto dal santo-Paolo-imi [che tra l'altro così tanto Zerotondo non è].
Io per essere Yuppie mi ci metto di impegno [yuppie wannabe]: ma non frequento locali fichi, ho una cultura superiore alla media, non vesto alla moda, non ho un girovita accettabile, non lavoro gratis.... e ciò mi esclude dalla cerchia.
Persino le mie cravatte in lanetta da broker mi squalificano.
Oibò come soffro.
Però ho già prenotato su internet uno speciale complemento di arredamento per la mia nuova-futura-prossima casa: trattasi di uomo-accappatoio-playstation, ha alti costi di gestione ma è troppo TRENDY averne uno (cento volte più fico dell' IPOD, e sicuramente più semplice da configurare).

14 gennaio 2007

Oggi meglio Piccare

M.D. (1203488583292)
25 anni, tremendo di forma, sano
Una persona scontrosa, impulsiva e disonesta
E' buono in esperienza e accettabile in carisma.

Da qualche parte, nell'universo..

...sono ancora le 04.00 del mattino nel 1970 e questo ritornello sta ancora suonando.
Così descrive questo video colui che l'ha postato.
Ed ha pienamente ragione.
Nella prima parte, fino a "hey you are smoking mother nature, this is the bust" la telecamera indugia sul pubblico: e con un po' di attenzione capirete perché. Emblematico il tipo con la giacca di pelle in pieno acido.
Ah gli Who.
Il rock and roll.
Pete Townshend.
Magiche notti d'estate: tutti abbiamo avuto le nostre, avrete notato quanto spesso mi capiti di pensarci. Forse perché sono momenti di felicità vera, spensieratezza vera, vita vera.
E dovrebbero rimanere chiusi in scatole, per poterli rivivere ogni tanto.
Sulla spiaggia a suonare The Man Who Sold The World, sulle gradinate di un'arena con l'accendino in mano, a dormire sul ponte di un traghetto per le isole greche.
Peccato che Yuppies, Intellettuali, NewEsistenzialisti(TM), musicisiti NUMETAL, mi uccidano l'anima.


The Who - Tommy

13 gennaio 2007

Il miglior video di sempre?

Io penso di si.
Anni che non lo vedevo: supergeniale.

Beastie Boys - Sabotage

Colloqui (o collocui?) parte terza

Buongiorno, sono Taldetali della ditta U.....nd SRL
Buongiorno M.Dorio, Salcazzo Assicurazioni, mi dica
La contatto perché ho visionato il suo curriculum, ed è molto interessante.
Mi fa piacere, di che si tratta?
Vendita porta a porta di prodotti da ufficio.
Ma io avevo risposto ad un annuncio per una posizione manageriale.
Ci piace chiamarci manager, qualifica maggiormente i nostri venditori.
.....
E' un'azienda in crescita
....
Non è interessato?
....
Uhm capisco, arrivederci.

Come bambini con un pallone da calcio

Stasera alla Panteka, dopo il live dei Siné, mezza esibizione dei dresda, senza delay, senza daniel, senza la nostra strumentazione e abbastanza andati alcolicamente.
Naturalmente una ciofeca.
Ma il mio fido cuginone Antonio mi ha insegnato una cosa da piccolo: con la chitarra in mano non puoi stare a pensare, suona, foss'anche C'era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones.
Avremo modo di rifarci alla Panteka, poiché una serata è prenotata per noi.
Ma finalmente Lunedì si comincia il fin troppo procrastinato lavoro di registrazione.. Intensa settimana di rockandroll, domenica, lunedì, martedì, sullo strumento per recuperare i fasti di fine 2006.
Ora però mi è venuta voglia di un bel live... e bisogna organizzarsi in proposito.
Dalla cornucopia del pianeta terra per il momento è tutto, ci risentiamo domattina con le mirabolanti avventure di Marco (in the sky without diamonds) e della sua versione robotica sulla terra (che però la chitarra la suona peggio).

12 gennaio 2007

Colloqui parte seconda.

Qualche giorno fa ho affrontato l'ennesimo colloquio di lavoro, Banca Mediolanum. Vado a tutti i colloqui perché preferisco valutare tutte le possibilità che mi si potrebbero presentare.
Il rapporto con Mediolanum era partito malissimo un annetto fa quando, non volendo diventare loro cliente, venni praticamente aggredito da uno dei loro consulenti. Un'esperienza vergognosa.
Poco tempo fa mi chiamano, voce suadente da gnocca sexy, e prendiamo appuntamento per il colloquio.
Alla sede non trovo la gnocca sexy, ma un consulente pelatino e saccente.
Mi squadra, non ho la cravatta, pur essendo molto elegante.
Inizia il colloquio in maniera più che negativa, credendomi il solito sprovveduto in cerca di un'ancora di salvezza dalla marea nera della pratica legale. Gli porgo il curriculum che [sicuramente] non aveva letto, e zac, resta gelato arrivato alle voci Risk Management, Portafoglio Clienti, Corsi di specializzazione, ecc...ecc...
Lo guardo con aria angelica.
Abbandona il polpettone sulla consulenza.
Ma passa al test psicologico.
Mi dica un suo pregio.
[ho il cazzo grosso] Ritengo di essere bravo nei rapporti interpersonali e nel front office. Ho ottime capacità decisionali.
Mi dica un suo difetto.
[spaccio crack alle scuole medie] A volte mi manca l'aggressività necessaria per superare e argomentare il rifiuto di un cliente.
Come si vede tra cinque anni?
[Carico di soldi e sicuramente più in alto di te coglione] Un professionista completo e dinamico, con ruoli manageriali e grandi responsabilità.
Cosa le piacerebbe trovare in questo lavoro?
[Colleghe fighe in minigonna e autoreggenti a cui piaccia succhiare cazzi anche a pagamento in pausa pranzo] Un ambiente sereno e stimolante, pieno di obiettivi, traguardi da raggiungere e gratificazioni professionali.
Cosa non le piacerebbe trovare in questo lavoro?
[Te] Arrivismo tra colleghi invece di una sana collaborazione di squadra.
Poi si concede persino qualche battuta sulle colleghe [mi avrà letto nel pensiero] per stemperare il clima professionale e dare al colloquio conoscitivo un tocco di sano cameratismo maschile.
Me ne esco con le mie richieste. Che ho imparato a sparare sempre più in alto. Resta basito.
Ma comunque mi seleziona per il colloquio finale.
Dalle mie parti ai colloqui si parla di numeri, di competenze, e di lavoro.
Ma tant'é, tutto fa esperienza. C'era quel cartone, guarda caso "Golden Boy" [il destino?] che diceva "imparo imparo imparo imparo...!".

They don't sleep anymore on the beach

+ [consiglio: tasto destro e salva oggetto con nome].

11 gennaio 2007

Colloqui di lavoro, parte prima

Ho mandato il curriculum vitae alla TRE, alias H3G, compagnia telefonica con la quale ho a che fare, mio malgrado, da meno di un anno grazie (leggi: per colpa) all'impresa che mi occupa attualmente.
L'ho mandato sapendo che mi avrebbero chiamato, visto che il 90% delle aziende a cui mando il CV mi contatta per un colloquio di lavoro (il 10% che non mi caga sono quelle che mi interessano realmente).
Mi ero preparato la risposta da tempo, e stamattina il telefono è squillato.
Erano loro.

"Ma andatevene affanculo!"
La vita è fatta anche di piccole gioie.

Spleen televisivo

Non mi sono mai interessato di Lost e tutt'ora non me ne frega niente.
Per di più ascoltare tizi che passano le serate a fare congetture copiaincolla sulla serie e a cercare significati filosofici in un prodotto fatto e confezionato ad uso degli allocchi mi mette parecchio a disagio.
Lost è un'offesa alle nostre intelligenze. Come lo era ai miei tempi Twin Peaks.
Il mondo è stato invaso dalle bestie da terza elementare, con la laurea in legge incorniciata, mentre lunghi trasporti funebri senza tamburi, senza bande sfilano lentamente nella mia anima vinta; la Speranza piange e l'atroce angoscia dispotica pianta sul mio cranio chinato il suo nero vessillo.

09 gennaio 2007

Verso Betelgeuse [spiritello porcello?]

Stasera, per inaugurare la mia nuova vita nello spazio, ci siamo sparati una buona dose di gotto esplosivo pangalattico (del quale QUI è riportata la ricetta). Ora ho una testa così, ma tanto basta per raccontarvi qualche novità.
Ci dirigiamo verso Betelgeuse, ed io ho idea che vi incontrerò il famoso spiritello porcello, ma l'autostoppista mi ammonisce di pensare addirittura bidimensionalmente mischiando la realtà quadrimensionale con la pessima filmografia terrestre (una delle peggiori tre della galassia).
Non me la sento di contraddirlo, pur ritenendo Beetlejuice, spiritello porcello un ottimo film.
La Guida Galattica per Autostoppisti sostiene che la filmografia terrestre non sarebbe scesa così in basso se non fosse stato per Armageddon, e per Meg Ryan.
Riguardo 2001 Odissea nello spazio la Guida si limita a dire: "succedaneo terrestre del sonnifero".
Insomma le forme d'arte terrestri non sono universalmente riconosciute nella galassia.
Tre milioni di Intelligentiani (pianeta abitato da esseri immateriali fatti di sola mente) si sono suicidati lanciandosi nelle fiamme eterne del vulcano Keskott dopo aver letto Sulle sponde del fiume Piedra mi sono seduta è ho pianto.
Un intera colonia di Empadonti è stata falcidiata dopo essere finita per puro caso nella traiettoria delle onde sonore (a tre anni luce di distanza) dell'ultima canzone degli U2.
Mi tocca pilotare la carcassa spaziale ora, è meglio che vi lasci.
Chissà come se la cava il mio alterego androide sulla terra: sulla gmail (galacticmail) ho trovato parecchie registrazioni a siti porno, il ragazzo si è calato alla grande nella parte.
Ci sono anche altre grandi news, che per scaramanzia non svelerò fino al 27 Gennaio.
Ed ora è meglio che piloti per davvero, visto che stiamo per essere inghiottiti da un pulsar.
A presto terricoli!

08 gennaio 2007

L'inizio di un lungo viaggio

Alla fine è successo ciò che ci si attendeva, la terra è esplosa il 31 Dicembre 2006 alle ore 23.59.59 (terrestrogalattiche non le nostre ore canoniche.).
Le motivazioni sono molteplici:

1) sulla terra si stava perfezionando il computer progettato da Pensiero Profondo per elaborare la domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto, la cui risposta è 42.
2) il punto 1 non era di gradimento di certi esseri pandimensionali dei quali vi parlerò in seguito.
3) al posto del pianeta terra doveva essere costruita una tangenziale galattica
4) la terra era comunque destinata all'autodistruzione

Il mio caro amico autostoppista mi ha fatto il favore di venire a recuperarmi con la sua astronave malandata in piazza del Popolo a Roma, proprio mentre mi accingevo a festeggiare l'avvento del nuovo anno che, invece, non è arrivato.
Fortunatamente nessuno si è accorto della grande esplosione.
Un po' perché la maggioranza dei terrestri in quel momento era palesemente ubriaca, un po' perché il gran botto ha creato un'implosione nucleare così istantanea da creare una circonvallazione temporale che incredibilmente ha permesso di riaggregare il 99.9% della terra a poche galassie di distanza.
Curiosamente lo 0.1% non riaggregatosi, comprendeva la mia Renault Clio, risparmiandomi così le spese della rottamazione.
Tutto ciò non è stato indolore comunque. La nuova galassia che ospita la terra è in tutto e per tutto simile a quello originario, tranne che per il particolare che entro un tot di anni è prevista una supernova bella calda. E lì ci sarà da divertirsi.
Tornando a noi, io ora mi trovo nello spazio aperto, in compagnia del mio fido amico autostoppista, e ce ne andiamo un po' a spasso nell'universo in espansione.
Nel frattempo la terra continua a funzionare più o meno regolarmente, ed anche se non ci sono più, ho mandato sul pianeta un mio alterego robotico che farà le mie veci.
Mi assomiglia molto (a parte il fatto che, durante la fase di design gli ho prolungato il simil-pene-androide a 23 centimetri), sa preparare l'impepata di cozze, non russa molto, ed è progettato per fare l'assicuratore: addirittura a chi gli rifiuta la polizza casa, incendia il fabbricato.
Insomma è un'avventura che inizia.
Fortuna che la vita riserva ancora qualche sorpresa: la vita, l'universo, e tutto quanto, da qui, hanno tutto un altro significato.

Archivio blog

Lettori fissi