27 febbraio 2007

Ma la poesia non me la dovete toccare. [Italia Germania 2-0 parte seconda]

Ho visto un film del cazzo stasera. Notte prima degli esami oggi.
Se mi avessero fatto mangiare un piatto di spaghetti al ragù di vomito avrei sofferto meno.
Ma non c'era veramente nient'altro al cinema tra Rapallo e Santa.
Sai quegli spaccati volutamente accentuati di ciò che fa ggggiovane oggi, oltre al cellulare, le suonerie becere [io tra l'altro come suoneria, oltre ai Dresda, ho Hipurforderai, con un pezzo scritto apposta per me, e ciò mi rende un superganzo], il sesso online, le scopate veloci, qualche canna, la borghesia senza valori, e via così da una banalità all'altra.
Che poi tra parentesi, il pillow fight, so che esiste, so che si è fatto.
Tra me e me, superficialmente, ritengo sia una merdata, però poi potrebbe essere anche una cosa buona e giusta.
Prendiamo a cuscinate questo mondo di merda!
Prendiamoci a cuscinate non potendo usare spranghe di ferro!
Prendiamoci a cuscinate per la pace!
Prendiamoci a cuscinate per far sfociare l'amore!
Prendiamoci a cuscinate tanto il mio è imbottito di bulloni!
Ok non mi è chiaro il messaggio di fondo, ma tanto non mi è chiaro il perché di un mucchio di cose, quindi non starò a scervellarmi ulteriormente.
Bé tornando al film, tutti scopano, grandi e piccini.
Gli uomini sono stronzi e coglioni, le donne semplicemente mignotte.
Della maturità, intesa come esame, neanche l'ombra, se non in uno spezzone assolutamente prescindibile e citazionista di qualunque pellicola vi possa venire in mente, a dimostrare che i furbi volevano semplicemente sfruttare il traino del primo film [cosa che non era mai stata in dubbio, tra l'altro].

Insomma sono un po' dispersivo, e volevo semplicemente arrivare a questo.
Alla fine la mia estate è stata resa indimenticabile da uno sconosciuto, fa il terzino e si chiama Fabio Grosso.
La poesia di quel tiro a girare, e di quella sassata dell'ultimo rigore, va preservata.
Perché siccome noi vogliamo riguardarcela per tutta la vita, coi lucciconi, abbiamo bisogno di un film apposito che parli davvero di com'era essere gggggiovani nel 2006.
Che forse uscirà tra una quindicina d'anni, girato da un nostalgico regista, diciottenne all'epoca dei fatti.
Perché non ci meritiamo film o romanzi generazionali così del cazzo eh.
A volte -ebbene si- rimpiango Alex, Girardengo appena più basso e rock.

26 febbraio 2007

Tra derive yuppie e canti aziendali

La circolare è arrivata stamattina.
L'anno scorso fu Sorrento, quest'anno Sardegna.
Qualche giorno a Giugno, in suite, 5 stelle, tutto pagato.
Ah la vita del young urban professional.

http://www.fortevillageresort.com/

25 febbraio 2007

Questa ve la devo raccontare

Ieri sera all'ennesima reprise [più o meno riuscita] della discoteca Double D, reinventatasi una house of blues per quarantenni affamati di tacos, ho deliziato il mio fine palato con una serie di pietanze tex-mex con abbondanti innaffiate di birra et cetera.
Ho rimescolato il tutto con un po' di danze, assieme alla mia dolce metà, trascinati dall'orchestrina di turno, che aveva un discreto groove.
Verso le due ce ne andiamo a letto, stretti stretti e al calduccio.
Niente di più idilliaco.
Poi alle sette mi alzo, le preparo la colazione, la accompagno al lavoro.
Al volante, tornando a casa, gongolo al pensiero del letto, ancora tiepido per le nostre presenze, e protetto da due piumoni uno sopra l'altro.
Ri-indosso il pigiama alla bell'e meglio e mi butto sotto, la temperatura è ottima e il doppio plaid sortisce l'effetto desiderato: nulla esce e nulla entra.
Lascio partire un peto che trattenevo da almeno otto ore.
Pochi secondi, poi l'inferno.
Napalm.
Ho dovuto evaquare [o evacquare/evacuare?] il letto.
E si che lo so che messico e alcolici mi fanno quest'effetto.

Giardini di Mirò - Broken By

24 febbraio 2007

Politichismi: la nostra sinistra.

Il raptus politico ha ricominciato a pulsare nei 25000 politici rapallini.
Oggi una signora dopo aver letto la locandina del Secolo, alla stazione degli autobus, è andata in escandescenze. Non scherzo: il demonio stesso non avrebbe potuto possedere quell'anima con maggior veemenza.
Incuriosito sono andato a spulciare quella sottospecie di quotidiano per decelebrati che è il Secolo XIX.
La sinistra nazionale mi avvilisce.
Quella comunale mi mortifica.
Quei due geni di Cecconi e Costa, rappresentanti della sinistra rapallina, hanno iniziato una campagna contro l'ex sindaco Capurro.
Sembra che il Capurro si arroghi il merito di aver promosso, quando era sindaco, iniziative di una certa portata.
Gli si obbietta: quelle iniziative le ha promosse il comune come istituzione [che poi fosse l'amministrazione Capurro questo è un dato trascurabile].
Uh che grande linea d'attacco!
E poi il colpo di genio dei due mattacchioni: "abbiamo deciso di rilasciare il nostro programma in pillole, per salvaguardarlo da scopiazzature".
Qualcuno ricordi a questi incapaci che non sono più alle scuole medie a fare il temino per la maestra.
Quando cazzo mai si è sentita una stronzata del genere?
La suspance sul programma elettorale?
Ma andate affanculo.
Il governo cade, a Rapallo siamo rappresentati da minorati: essere di sinistra, oggi è davvero malinconico.
Si che ci ho anche provato a fare la mia parte, ma quelli si organizzano i festini tra di loro.
E il risultato si vede: rilasciano il programma in pillole.
Sapete dove dovreste mettervele le pillole?

21 febbraio 2007

Mettetevi le scarpette da ballo!


Perché We Are The Superfunkers, il primo Ep dei Dresda è finalmente nei negozi di dischi.
E come ogni gruppo [post] rock degno di tal nome abbiamo:

un sito con i più alti standard tecnologici
un mice pace, dove farci tanti amìci-ci
una bravissima fotografa ufficiale della band
un amico giornalista musicale
progetti paralleli
problemi di alcool
strumenti fichi
una saletta a Sestri Ponente in mezzo ad una specie di sfasciacarrozze
e un botto di altra roba che ora mi annoio a raccontarvi.
Il tutto in ascolto sul sito [qualità migliore] e sul maispeis [qualità più bassa].


19 febbraio 2007

Scoperta sull'estinzione dei dinosauri. Non fu un meteorite. Ma l'arrivo di una nuova e micidiale razza: gli assicuratori.

La mia tesi di ricerca si basa sul progetto Solvency II. E' un ambizioso progetto per orientare maggiormente i capitali delle compagnie assicurative verso un'ottica di risk-management, la cui implementazione è prevista intorno al 2010 [data intorno alla quale forse finirò anche la tesi].
In attesa che questo rivoluzionario sistema venga realizzato, le compagnie si sono accrocchiate alla bell'e meglio.

Buongiorno, volevo denunciarle che mio padre è defunto, in relazione alla polizza vita n....
Condoglianze signora, passi pure in agenzia per avviare le pratiche.

Giro via fax la notizia in direzione.
Dopo pochi minuti mi contatta un sibillino e non meglio definito "ufficio smaltimento pratiche complesse".

D'oro, lei ha esperienza nell'occultamento dei cadaveri?

[ovviamente ironico, prima di essere licenziato]

L'amore non va in vacanza. Io neanche.

Un post inutile per mostrare al mondo cotal altisonante titolo partorito mentre guardavo sta vaccata.
L'unica cosa che continuava a ronzarmi in testa era:
Quanto è fico Jude Law, perché non posso essere fico come lui.

16 febbraio 2007

Geek, terribilmente Geek

Se lo dice Bloggozzo noi ci crediamo.
Ma ho voluto provare di persona.
E cazzo, funziona!
Provate questo music map, io ho provato con una delle band simbolo del post rock, i Godspeed You! Black Emperor, e il risultato è figo. Manca solo Morricone, ma il resto più o meno c'é.
Forse solo Dani è più completo di musicmap: ma non è così geek da farsi un sito in materia.

ps. in mezzo alla ricerca trovate i Labradford. Ebbene si, loro. Che ganzi.

15 febbraio 2007

Tecniche di vendita parte prima

Non sono stato selezionato come formatore a caso.

Ore 16.30, Salcazzo Assicurazioni, Agenzia di Rapallo.

Buonasera sono un rappresentante della ditta Blabla, lei è il titolare?
Si, sono io mi dica.
Vorrei presentarle i nostri prodotti per la sicurezza della casa e dell'ambiente di lavoro.
Del tipo?
Estintori, cassette attrezzi varie, corsi di primo soccorso e antincendio e blabla... e bla bla... alla modica cifra di 350 euro all'anno.
Ma io con una globale casa da 100 euro all'anno mi assicuro qualunque evento possibile ed impossibile, che mi frega se si brucia la casa.
Così poco? Ma va?
Che dice, la facciamo?
Ma si dai.

Se ne esce dall'agenzia con 180 Euro in meno, e la vaga sensazione di essere stato violentato.

14 febbraio 2007

Each day is.....

Se persino mio padre ha dichiarato, uscendo di casa, "vado a prendere un pensierino per la mamma" vuol proprio dire che qualcosa devo inventarmi pure io.
Oggi avrei dovuto essere a Torino per lavoro, "oh peccato proprio a San Valentino", ma è stato rimandato.
Perciò, non ho scuse.
E da giorni la sibillina frase mi ronza per la mente.
Ok dice che non gliene frega niente, ma prova a non prenderle neanche un pensierino e vedrai.

Mogwai - Glasgow Mega Snake

12 febbraio 2007

Pausa pranzo [parte seconda]

E' lunedì ed è una giornata di merda.
Però che soddisfazione mettersi sul divano col nodo della cravatta sbracato e guardarsi Starsky e Hutch.
Il mio telefilm preferito all'ora più congeniale: Dio si manifesta nelle forme più arzi-go-go-late!

Su chi è Dio, dove abita e se riceve visite un interessante spaccato della guida: QUI .

11 febbraio 2007

Dai bots di google.... fate il vostro gioco

Non un post di alto livello artistico.
Semplicemente per gratificare la cache di google.

Allora.
Organizzi un compleanno ed inviti, vediamo, una ventina di persone circa.
Prenoti, giorni prima, una sala di un locale che ti sembra carino su suggerimento di altra ragazza che organizza festa in concomitanza.
Richiami anche il giorno successivo per confermare la prenotazione.
Arrivi con un quarto d'ora di ritardo e il proprietario marpione ha già occupato la sala con altra gente:

mettetevi pure qua
[sala minuscola, già sovra-affollata di yuppies]
[Ma vattene a fanculo].

Questo succede al ********* *****, locale fighetto, nei vicoli di Genova.
Disertatelo ora e sempre: claustrofobico, caldissimo, tra lo snob e il radical-chic.
Locale da estremisti edili in camicina bianca stirata da mammà.
Peraltro gestori maleducati e ******** : cioè io poi dove me le metto venti persone se tu ******** non mi tieni i tavoli che ti prenoto? Almeno premurati di scusarti invece di dare la colpa a me (per un quarto d'ora?), millantando che la prenotazione fosse alle 22 [pallista] e di avermi chiamato sul cellulare [nessuna chiamata].
L'assurdo è che avremmo pure speso un sacco di soldi, io volevo offrire un bel po' di spumante, e gli altri avrebbero di sicuro ulteriormente consumato.

Ma a noi è andata meglio così: il Moretti ci ha accolto con amore e vino.
Con 35 Euro ho abbeverato tutta la combriccola.
Devo ringraziare tutti perché è stata una serata bellissima.
E i regali... non mi aspettavo cotanti valori.

10 febbraio 2007

Happy Birthdayyyy Mr Goldeennn [cantato alla Marilyn Monroe]

Oggi è il mio ventiseiesimo compleanno, non mi sento neanche tanto depresso.
Ho innaffiato abbondantemente di vino bianco il misto di pesce, i ravioli di borragine, e il pesce spada, e asciugato il tutto con un montenegro.
Chiacchierato un po' con tipi simpatici conosciuti sul posto, davanti ad un ulteriore bicchiere di vino, in una stilosa enoteca sestrese.
In macchina ho ravanato un po' tra i miei vecchi cd, così per ricollegare qualche immagine alla musica.
Mi sono riascoltato i Cure acustici, i Pumpkins, e poi Bob Dylan, Ralph MacTell, Lou Reed, Neil Young, e persino roba assurda tipo i "latte e i suoi derivati", gli SkaP [che un tempo ci facevano ballare eccome!], e un sacco di altre cose.
Ripensato a quanto è stato sempre tutto bello.
E a quanto c'é ancora da fare e da vedere.
Ho pescato persino una chicca sepolta, un live
a Perugia di qualche anno fa [2001 credo] del mio cuginetto Antonio, [quello a destra, quello a sinistra lo conoscete dai.. nonostante la posa hiphop].
Alla voce naturalmente.
Ve ne metto qualcuna, delle tante, da scaricare.
Le dedico a quelli come lui, come me, come certi cari amici [con cui fare lunghi viaggi in macchina], a cui piace tirar tardi, il vino buono, ogni tanto sbattersene un po' di tutto, e godersi la vita.
[tasto destro né!]
E zero!
E una
E due
E tre
E quattro!

09 febbraio 2007

Chitarrismi, post per musicisti e/o musicofili.

Ieri sera mi sono visto tre gruppi al Buridda.
Gli Isobel, superlativi, i nostri amici Adele con i quali è in cantiere qualche data in zona acciaieria busallese [prima, si spera, dell'imperdibile appuntamento del Rural Indie Camp], e i Karmatest, gruppo giovane un po' emo che mi ha ricordato in piccolo i Miles Apart di One in a Million.
Io e Ivan abbiamo deciso di sciogliere i Dresda e di fondare i Cresta, gruppo math-rock con venature grindcore [e dani alla voce per canzoni possibilmente della durata di trenta secondi ciascuna e alla batteria il massimo sarebbe Albi coi suoi tempi dispari e la sua batteria giocattolo].
Per il resto su Genovatune ho avuto modo di discutere un po' della scena genovese, e sull'isolamento dei gruppi. Ricordo tempo fa, il cantante di un gruppo coi quali condivisi una serata alla Festa dell'Unità che deluso dichiarò: tanto non si esce mai dalla saletta.
Un errore che si è portati a fare.
E sul quale spesso mi capita di riflettere: condividere una scena, vuol dire esserne parte attiva. Per non trovarsi in una situazione come quella tigullina: niente salette, niente locali, pochi gruppi. Poco stimolante.
Non sempre è facile, e alle volte ci vuole un po' di buona volontà. Ma è anche divertente.
Altro argomento classico ma d'attualità è stato quello delle distorsioni, del quale ho avuto modo di discutere anche ieri sera con Marco degli Adele.
E la conclusione è che forse, duro ammetterlo, il pedale più versatile sia veramente il DS-1 della boss, magari accoppiato ad un Tube Screamer, come fa lui.
La mia ultima intrusione nel mondo delle distorsioni sarà un Dr.Swamp della T-REX che ho pinzato usato da Storti. Oppure un altro classico: il proco-rat che accoppiato con il mio Deville ha fatto favillissime.
Ma sono tutti tecniciumi da feticisti della pedalanza come me.
C'è gente che con 200 euro si compra un cazzo di multieffetto e fa quello che vuole.
Comunque la distorsione migliore con la quale io abbia mai suonato proveniva dalle valvole incendiarie di una testata valvolare Brunetti con la quale ho fatto un concerto alle Piscine dei Castelli più di due anni fa [con una vergognosa chitarra Jim Harley humbuckerata].
Quando ero ancora un rockettaro alcolista [per quanto da quattro soldi e dai criticabili risultati artistici] e non un frocetto che suona suites strumentali per fare il figo.
Sentite qua -tasto destro eh!- che roba quando switcho [io ero la ritmica].

08 febbraio 2007

Pausa pranzo

Ho riesumato il mio Marshallone 75 Reverb come ampli casalingo.
Collegato la strato, messo il gain a palla.
E ho suonato Summertime con Janis Joplin a blueseggiarmi intorno.
Mi manca qualche passaggio, ma a grandi linee ci siamo..
Niente di meglio per assordare con stile quei merda dei miei vicini, e per staccare il cervello dal fatto che tra poco te ne torni a lavorare, non ne hai manco per i coglioni e sai per certo che qualcuno verrà a rompere il cazzo per un qualunque futile motivo.

Janis Joplin - Summertime

07 febbraio 2007

Per la serie: sono amici ma ci piacciono


www.myspace.com/sinesound

freschi freschi su micepace.
Sono bravi, e fottutamente ispirati.
Magari potranno fare due balle così ai puristi del rockandrolleee e ucciderti di malinconia dopo venti minuti di concerto, ma i ragazzi hanno tanta stoffa e passione nel suonare.
Sul myspace manca Poeta, la loro canzone migliore [per me], ma anche Anima di seta fa la sua porca figura.
E non lo dico solo perché condividiamo concerti, batterista, e saletta.
Tutt'altro.

Il calcio si ferma, l'Atletico Pablito no.

06 febbraio 2007

Giù le mani da Leonard Cohen, maledetti.

Presto sarà il mio compleanno, 26 anni, uno splendido giovincello con incipiente stempiatura, ottime prospettive di carriera, simpatico e posato, ecc.. ecc..
Ma quest'anno non mi fregano.
Niente estremisti edili.
Niente yuppies.
Niente rane dalla bocca larga e gambe strette.
Niente intellettualoidi da strapazzo.
Niente arriviste bocchinare.
Ci ho pensato a fondo.
Quest'anno rock and roll.
E so per certo che ci sarà chi apprezzerà la scelta.
E chi mi darà dello snob.

05 febbraio 2007

Il bello della settimana che inizia..

..è che vai come un razzo.
ti alzi che ti sembra abbondantemente di morire, lì, sul posto.
e comunque faresti harakiri.
però poi hai troppo lavoro da fare per non comportarti come un automa in berserk. Ritorni a focalizzare intorno alle 13.00 quando pensi che vorresti un caffè e una sigaretta e invece devi prepararti una pappa veloce.
Ho messo su una bistecca e involontariamente ho dato fuoco alla carta che avvolgeva le altre: rischio incendio cucina. Nel pomeriggio mi autovendo una globalecasa.
Oggi la Lavazza mi ha inviato una scatola da 500 cialde che non ho richiesto.
Chiamo il rappresentante.

Avevamo preventivato il suo consumo intorno a quelle cifre.
Cioè scusi, in un ufficio con tre impiegati lei preventiva 500 caffè a bimestre? 83 caffè al mese a persona?
Bè sa..
Che dice mi manda il corriere che ve la riprendete?
Passo io che ho qualche offerta da proporle?
In caso di inverno nucleare potrei andare avanti tre anni con tutto il caffè che mi ha venduto.
Ci risentiamo il mese prossimo allora.

Qualche giorno fa mi hanno chiamato per fare un sondaggio su che vini mi piaciono di più. Rispondo, sicuramente il Greco di Tufo, e il Buttafuoco.
Oggi come per magia mi chiama un'azienda vinicola piemontese.
Abbiamo promozioni eccezionali: che ne dice di un ottimo Buttafuoco?
Il diavolo non fa i coperchi ma può vendere vino per corrispondenza.

Ma no, son proprio io, lo specchio ha la mia faccia

Mi chiedo dove sono finito, come ho fatto a diventare così.
Quel maledetto attimo fuggente, se solo potessimo congelarlo, se solo potessimo tornare.
Non lo so proprio dove io sia finito, e perché io sia diventato così.
Ma ogni tanto, di notte, avrei voglia di buttare giù tutto, come se potesse servire a qualcosa.
Essere attanagliati dalla disgraziata paura che possa essere tardi, perché le ruote sui binari ormai ce le hai piazzate da tempo, e lo senti il nichilismo dominante, il massacro dei sogni e dei progetti.
Poi solo briciole qua e là per dirti che, si, in fondo sei appagato.
I nostri sentimenti democratici.
Dove sono finiti tutti?

Ivano Fossati - La costruzione di un amore

04 febbraio 2007

Invita-una-Pantera-Nera-al-cocktail

Nonostante le mie invocazioni -vedi post precedente- fossero ironiche, ieri sera ho scoperto che il Cafè Zipier di Rapallo chiude per davvero.
"Per ogni cosa che finisce, ce n'é sempre una nuova che inizia", ho sussurrato alla [non troppo dispiaciuta] fidanzata del [non troppo dispiaciuto] gestore uscente.
A me sinceramente della chiusura di un locale non frega poi molto.
Certo era un posto carino, l'ambiente in certe sere non era male, c'era persino musica jazz ogni tanto, il gestore e lo staff erano bravissimi, i prezzi nella norma.
Peccato per l'ossessione per Vasco Rossi, i cui cd venivano passati almeno una volta a serata con mio sommo disgusto.
Ora resta semplicemente da scoprire quale sarà il prossimo salotto radical-chic di Rapallo.
Sono aperte le scommesse.

03 febbraio 2007

Poche cose e per questo weekend basta, credo.

Grazie allo sparuto gruppo di amici che ha presenziato al ns. concerto di ieri sera..
Aspettavo pochissima gente, invece, durante il set la Madeleine era abbastanza affollata.
Per me è stata, come sempre, una buona occasione per liberarmi dal peso del classico venerdì sera passato ad invocare un'apocalisse sul Café Zipier di Rapallo [senza nulla voler togliere al locale ben intesi], sugli yuppies col superalcolico, sugli intellettuali in pausa siga ecc.. ecc..
E spero che anche voi vi siate divertiti.
Ci hanno pure pagato... incredibile.
Stasera però mi tocca: il jet set rapallino.
Un assicuratore, per quanto intimamente-sovversivo, non si salva: nell'eventuale giorno del giudizio verrò preso in mezzo.

ps. alzi la mano chi è andato a cercarmi su guitargeek.com

01 febbraio 2007

Oh mio Dio..


Sono su GuitarGeek.com!!!!!
Hanno sbagliato alcune cose, ad esempio io non ho un Big Muff, ma un Double Muff, e il chorus è blu non rosetto. Ma i miei innumerevoli fan apprezzeranno..
A parte lo sboroneggio inutile, volevo segnalare che domani sera alla Madeleine il gruppo postrock spezino (o fiorentino non s'é capito) diserterà... Llewelyn mi sembrava.
Quindi reprise del concerto di Novembre, Dresda & Siné in ordine invertito.
Abbracci.

Archivio blog

Lettori fissi